mercoledì 19 ottobre 2011

il rosa e il nero


questa mattina, sul tram numero trentatré, leggevano solo le signore. la passeggera con caschetto ramato in alto a sinistra legge, di Patrick Fogli, Lentamente prima di morire: deve avere, in questo romanzo, una qualche importanza il gatto, se una lettrice così commenta su ibs.it: “Ho comprato il libro di Fogli una domenica sera che non avevo nulla da leggere, tranne solo il mio manuale di storia delle superiori ed ero disperata. Non è un capolavoro, diciamocelo, e definirlo un noir, come fa Lucarelli, mi sembra addirittura esagerato, ma tutto sommato mi ha divertito, anche se è inverosimili e stereotipato, ma forse proprio per quello. Avrei solo una domanda: ma il gatto, che fine ha fatto?”.
la disinvolta signora con la giacca bianca legge Il signore delle anime di Irène Némirovsky; la signora in total jeans è immersa nel Gusto della vendetta, scritto da Amanda McCabe e collocato nella collana I grandi romanzi di Harmony. Eppure le spicce sneakers Fila bianche e turchesi non parlerebbero di una signora interessata a un romanzo così riassunto sul sito della casa editrice: “Caraibi, 1532. Il capitano della leggendaria Calypso sbarca a Santo Domingo e per uno strano scherzo del destino entra nell'unica taverna dell'isola che dovrebbe evitare. Bianca Simonetti, la padrona del locale, aspetta infatti da molti anni l'occasione per vendicarsi di lui, ma Baldassarre Graziano è cambiato, ora è un uomo ricchissimo e stimato e la giovane donna, come tutti, ne resta subito conquistata. Risoluta però a non soccombere al suo fascino e a ottenere giustizia, si imbarca di nascosto sulla Calypso, senza sospettare che quell'avventata decisione innescherà una serie di complicati eventi, costringendola a mettere in gioco se stessa e a scegliere tra passato e futuro.”

3 commenti:

fiordicactus ha detto...

I "Romanzi Storici" della Harmony, così come " i Romanzi" della Mondadori (sempre da edicola, sono i milgiori per il bus, la fila alla posta o in Ospedale . . . se anche perdi il segno, non è un problema. Nessuno ti disturba, perchè sei libro munita e non sei così "presa" dal libro (come succederebbe con la Némirovsky) da sbagliare fermata o da non sentire che chiamano il tuo numero! :-)
A proposito, quello della Némirovsky come lo trovi??? Ho letto "Suite francese e l'ho adorato, poi, altri due (che adesso non ricordo) uno mi è piaciuto, uno ho fattto fatica ad andare avanti! :-)

Ciao, R

aa ha detto...

ciao, io non ho letto nulla di némirovsky, dovrei?

fiordicactus ha detto...

Ah! Ah! Ah! Pensavo tu la conoscessi . . . :-)
Passo su Anobi e mi tolgo qualche dubbio! :-)

Ciao, R